Corso Commodity Spread Trading - Investire e diversificare con la stagionalità

Il Money Management

Esiste un’area decisionale per il trader che è assolutamente soggettiva: la gestione del rischio del proprio investimento, ed è proprio quest’aspetto che analizzeremo in questo video.

Il money management è la parte più importante del processo di trading, e se costruito in maniera efficace, può fare la differenza tra un conto gestito con successo per molto tempo e un conto che viene esaurito nel giro di pochi mesi.

Innanzitutto, il money management si compone di due ambiti fondamentali e inscindibili tra loro: risk management (gestione del rischio) e position sizing.

Il risk management analizza il rischio legato alla posizione assunta sul mercato, e lo vedremo nello specifico nel prossimo video.

Il position sizing individua il capitale da investire in ogni singola operazione aperta e la ripartizione del capitale tra i vari asset di portafoglio.

Focalizzandoci sul position sizing, possiamo dire che è sempre consigliabile non destinare più del 5% del capitale per ogni operazione. Disponendo, ad esempio, di un capitale di 20.000€, destineremo al massimo 1000€ ad operazione.

Il tuo primo pensiero non dev’essere quanto posso guadagnare ma quanto posso perdere, e quindi dev’essere rivolto alla protezione e conservazione del denaro e successivamente alla sua massimizzazione.

Dovrai quindi puntare ad una curva dei profitti o equity line che rappresenti la progressione dei tuoi guadagni con piccoli momenti più o meno negativi, ma sempre con un andamento crescente. Insomma, il segreto del trading è essere bravi a tagliare le perdite, o drawdown, e allo stesso tempo saper lasciar correre i profitti.

Una domanda ricorrente quando ci si approccia allo spread trading, è quale capitale serva.

Il capitale minimo necessario per poter effettuare delle operazioni in spread trading con le commodities dipende molto da che genere di operazioni si vogliono mettere in campo.

Con un capitale < 10.000,00 $ si possono compiere solo quelle operazioni che richiedono un margine molto contenuto dell’ordine di circa 400-500,00 $, mentre per poter fare quasi tutte le operazioni consentite, comprese quelle con i metalli preziosi e i petroliferi, oppure intermarket, occorre disporre di un capitale superiore. Nel video ti forniamo linee di massima in base al tipo di spread.

Ogni singola operazione effettuata, che sia costituita da uno o da più contratti in spread, deve avere un rischio monetario massimo, corrispondente allo STOP LOSS e non al margine.
Procedendo con la definizione di una strategia, devi sapere che il suo posizionamento non può essere univoco su tutti gli spread in quanto possiedono un peso/margine differente e anche una differente volatilità.

Come anticipato, nel prossimo video parleremo di risk management. Non te lo perdere!

Conosci l'autore

Matteo Anelli

Analista e Trader in Spread

Vuoi passare al livello successivo e vedere trader di commodities professionisti in azione IN DIRETTA?

Impara da chi ci guadagna con il nostro programma Trading Club Multiday.

SCOPRI IL TRADING CLUB

Questa pagina ti è stata utile? Hai domande? Lascia il tuo commento qui sotto!