Opzioni Strategie Operative

Vertical Spread in Acquisto

Prima di iniziare, è importante definire se sia meglio comprare o vendere opzioni. Qual è lo strumento migliore per la nostra strategia? La risposta è più semplice del previsto, cioè, entrambi.

Generalmente noi preferiamo vendere opzioni perché permettono di ottenere un rendimento costante del 4-5% al mese, dedicando poco tempo ai mercati.

L’acquisto di opzioni invece, con il fatto che sono direzionali e non ci permettono di guadagnare anche se il mercato resta fermo, richiedono una maggiore attenzione nella loro gestione. Tuttavia con l’acquisto è ragionevole attendersi anche un 6-8% mensile a fronte di un maggior impiego di tempo da passare davanti ai mercati.

Insomma, non esistono strategie buone o strategie cattive. A questo punto siamo pronti per passare alla strategia in acquisto tra le più semplici: il vertical spread.

Il vertical spread in acquisto si compone andando ad acquistare un’opzione ITM (in the money) al prezzo attuale, ed andando a vendere un’altra opzione OTM, ovvero lontana dal prezzo attuale. Con questa strategia si è direzionali. Rialzisti se si lavora con le call, ribassisti se si lavora con le put.

Il vertical spread si può attuare in due situazione differenti.

Per operazioni di trend following, quando un titolo è rialzista/ribassista e decidiamo di seguire il trend principale approfittando di un momento di stanca del trend in atto.

O in modo speculativo, ovvero quando un titolo dopo una forte discesa o salita, si ferma un supporto o resistenza e pensiamo che da lì possa invertire il suo trend.

Guarda subito il video per vedere tutti gli esempi dei casi descritti.

Conosci l'autore

Andrea Arnesano

Analista e Trader in Opzioni

Vuoi passare al livello successivo e vedere trader di opzioni professionisti in azione IN DIRETTA?

Impara da chi ci guadagna con il nostro programma Trading Club Multiday.

SCOPRI IL TRADING CLUB

Questa pagina ti è stata utile? Hai domande? Lascia il tuo commento qui sotto!